Non c’è democrazia senza imposte elevate?

Negli Stati Uniti Alexandria Ocasio-Cortez , la giovane deputata eletta a New York, ha riaperto il dibattito sulla tassazione dei redditi alti.

Negli Usa l’aliquota marginale, quella sullo scaglione di reddito più alto, 500mila dollari (circa 440mila euro) è del 37%.

 

Per la Ocasio-Cortez l’aumento dell’aliquota (tra il 60 e il 70%) non è un modo per aumentare le entrate dello Stato, quanto un sistema per combattere la disuguaglianza: cioè una misura di redistribuzione necessaria soprattutto in un momento dove, dopo la crisi del 2007,  la ricchezza si è concentrata in pochissime mani, come denunciato anche del rapporto Oxfam.

Ocasio-Cortez ha riaperto un dibattito anche sull’abbrivio del lavoro di due professori dell’Università della California,  Emmanuel Saez e Gabriel Zucman per i quali con l’aumento dell’aliquota marginale  «si tratta anche di salvaguardare la democrazia contro l’oligarchia».

«L’idea che una concentrazione eccessiva di reddito – hanno scritto sul New York Times Saez e Zucman – corroda il contratto sociale ha radici profonde in America – un paese fondato, in parte, in reazione contro l’Europa altamente squilibrata e aristocratica del XVIII secolo. La tassazione nettamente progressiva è un’invenzione americana: gli Stati Uniti furono il primo paese al mondo, nel 1917 – quattro anni dopo la creazione dell’imposta sul reddito – ad imporre aliquote d’imposta fino al 67% sui redditi più alti. Quando Ocasio-Cortez propone un tasso del 70% per i redditi superiori a $ 10 milioni, si sta ricollegando con questa tradizione americana. Sta facendo rivivere un ethos che Ronald Reagan ha represso con successo, ma che è prevalso durante la maggior parte del 20 ° secolo».

Negli Stati Uniti dal 1930 al 1980, l’aliquota marginale massima delle imposte sul reddito era in media del 78% ; ha superato il 90% dal 1951 al 1963. Nel 1960, ad esempio, l’ aliquota marginale più elevata del 91% ha iniziato ad agire sopra una soglia che era quasi 100 volte il reddito nazionale medio per adulto, l’equivalente di $ 6,7 milioni di reddito annuo oggi. I soli ricchi – i professionisti con alti guadagni, i dirigenti aziendali di medie dimensioni, le persone con redditi nelle centinaia di migliaia di dollari odierni – erano tassati a tassi marginali in un intervallo dal 25 al 50 per cento.

Oggi – secondo Saes e Zucman – i redditi sono cresciuti di oltre il 300 per cento per lo 0,1 per cento dei cittadini; e del 450 per cento per lo 0,001%. Per 2.300 persone – gli americani più ricchi – i redditi sono cresciuti di oltre il 600 per cento.

«Proprio come avviene per la tassazione sul carbone l’obiettivo non è aumentare le entrate, ma di ridurre le emissioni, così le alte aliquote fiscali per i redditi altissimi non mirano a finanziare l’Obamacare. Mirano a prevenire una deriva oligarchica che, se lasciata incontrollata, continuerà a minare la coesione sociale e rischiando di uccidere la democrazia».

«Un’estrema concentrazione di ricchezza significa un’estrema concentrazione di potere economico e politico», concludono. «La tassazione progressiva del reddito non può risolvere tutte le nostre ingiustizie. Ma se la storia è una guida, può aiutare a muovere il paese nella giusta direzione, più vicino al Giappone e più lontano dalla Russia di Putin».

 

Lascia un commento