Breakingnews! Adam Smith è tra noi!

Esattamente come lo sbarco sulla Luna che non c’è mai stato, come le scie chimiche e come gli alieni segregati nell’Area 51Adam Smith non è nato a Kirkcaldy il 5 giugno 1723 e non è morto a Edimburgo il 17 luglio 1790.

Adam Smith è vivo ed è in mezzo a noi.

Solo un contemporaneo può scrivere:

La perdita di una gamba può generalmente venir considerata come un danno più grave della perdita di un’amante. Tuttavia, una tragedia che avesse come catastrofe la perdita di una gamba sarebbe ridicola; la perdita di un’amante, invece, per quanto possa apparire una frivola sventura, ha dato a molti lo spunto per buone tragedie.

La Teoria dei sentimenti morali (Edizione originale 1759; Rizzoli, Milano, 2001) è forse l’opera che ci consegna lo Smith più attuale nella sua comprensione dell’uomo, della società, degli interessi, della vita e della felicità.

Una lettura consigliabile a quanti frettolosamente indicano il grande pensatore come l’ideologo del capitalismo sic et simpliciter.

Ovviamente il preambolo è un iperbole: grazie al grande lucano Rocco Petrone l’uomo è andato e tornato dalla luna, le scie chimiche sono confuse prevalentemente da coevi delle strisce di polvere bianca, e purtroppo gli alieni sono tra noi. Ma non sono quelli venuti da altri mondi!

 

Lascia un commento