Il campione

Gli stregoni dei numeri

L’uomo era ruvido. Non ammetteva repliche e quando ti dava – raramente – la possibilità di spiegare lo faceva solo perché riusciva a farti dare del coglione da solo (la tecnica poi fu codificata nella “doppia tagliola” di non si può dire). Ma era sensato, estremamente sensato. E non transigeva. Ogni affermazione doveva essere supportata da una verifica e quando gli portavi dei numeri di una statistica la domanda era sempre la medesima: “Qual’è il campione?”. E poi una lunga dissertazione sulla necessità di non mettere in giro numeri non sufficientemente supportati da osservazioni perchè “noi siamo una cosa seria” (detto in dialetto lucano fa un altro effetto, ma non voglio dilungarmi sulla bellezza e musicalità della nobile lingua lucana nelle sue variabili 😉 ).

Quelle lunghe lezioni mi sovvengono ogni volta che come oggi (24 dicembre 2011) vedo certezze sui consumi ancora in corso: titola il Tg2 delle 23: Coldiretti, crollo della spesa a tavola!

Non c’è nessuna base dati aperta che può consentire una affermazione simile, nè gli autori di questa ricerca informano su come hanno fatto questa valutazione. Si può ipotizzare che dispongano di una panel, ma nulla dicono sulla sua composizione, né sulle modalità di acquisizioni delle informazioni.

Avere informazioni in tempo reale o quasi è l’assillo di molti: gli economisti e gli statistici, gli uomini del marketing, in prima fila.

L’unica vera base dati real time è detenuta dai centri della grande distribuzione organizzata, per il food (Carrefour, p. es.), e le aziende che hanno reti di distribuzione organizzate direttamente (Benetton è il caso più noto): ogni volta che si fa un acquisto tramite i codici a barre o gli Rfid trasmettono l’informazione e un’unità centrale, tempo per tempo, conosce, per ciascun punto vendita, per ciascun scaffale, venduto e giacenze. Inoltre, con il giochetto delle carte fedeltà, hanno il profilo dei vari consumatori.

Altre informazioni in tempo reale da giustificare titoli in diretta del tipo 23 dicembre non ce ne sono.

Lascia un commento