L’Europa stringe la cinghia aumentando il debito

Certo è curioso sentire parlare delle politiche restrittive dell’Europa se poi l’Eurostat certifica che alla fine del secondo trimestre del 2014 il debito pubblico è del 92,7 per cento del Pil nell’area Euro contro il 91,9 % del trimestre precedente (da 86 a 87 % in tutta l’Unione) .

Ovviamente il debito cresce in automatico in tutti quei paesi che hanno ancora il rapporto deficit/Pil positivo in Italia (per questo servirebbe il pareggio di bilancio….) mentre decresce in quei paesi che non solo parlano dei conti in ordine ma li praticano.

Agli Italioti che parlano del disastro delle politiche del rigore, risponde oggi l’Eurostat. Il rigore non c’è. Almeno non c’è per tutti.

Lascia un commento