Madame Le Pen, il est trop facile de rejeter l’histoire

Madame Le Pen vuole la Francia fuori dall’Ue (dall’euro, ça va sans dire…) e dalla Nato.

Frexit è stato detto. Très facile.

E’ troppo facile, troppo sbrigativo. Ma fa tanto “pop”.

Lo sport più praticato del nostro tempo è sputare su qualunque cosa che sia comunità o siano valori condivisi.

Ciò che va bene a me va bene a tutti e poi siccome tutti (o quasi tutti pensano così) diventa un gran troiaio!

Per questo è l’era del no: il no unisce, a prescindere.

E dunque M.me Le Pen dimentica molte e molte cose. E con lei, tanti.

Per esempio, la politica agricola comunitaria. La Francia ne ha determinato le scelte perché i “paysan” erano il bastione dei gollisti, perché l’autosufficienza agricola veniva prima di ogni altra valutazione, perché ciò che andava bene alla campagna andava bene a tutti. Una difesa esasperata, sostenuta da tutta la politica, avallata dalla Germania (che pure tiene tanto ai propri Bauer). Una politica di sovvenzioni.

Darà M.me Le Pen più soldi ai paysan di quanti inopinatamente sono piovuti da Bruxelles?

E poi ancora: a cosa serve uscire dalla Nato? La Francia del resto con l’Alleanza Atlantica ha sempre avuto un rapporto tiepido ed è rientrata nel Comando Militare Integrato dell’Alleanza nel 2006 dopo 43 anni di assenza. Vincitrice (?) della Seconda Guerra mondiale ha potuto giocare con la sua Force de Frappe, le (348) testate nucleari, per giocare la sua partita sullo scacchiere internazionale.

A M.me Le Pen e allo sciovinismo francese andrebbe ricordata di chi è la responsabilità di certi fatti non proprio edificanti avvenuti nel Nord Africa negli ultimi ’50 (e anche in Libano), di come certo colonialismo abbia creato condizioni di sfruttamento di popoli che sono particolarmente incazzati, di chi sta pagando la grandeur di Sarkozy e della sua smania di bombardare la Libia.

Ma questo è troppo complesso per M.me, per i copioni italiani e per chi è convinto che buttare sottosopra serva a cambiare la propria situazione personale.

 

 

 

Lascia un commento